Cartolina da…Göteborg! I musei

Bello avere un blog chiamato cartoline da Göteborg quando di Göteborg non se ne parla mai.

Rimedio subito e vi parlo di musei. Anzi, vi faccio una classifica dei musei che ho visto.

5-Museo del design Röhsskaimg_0461Questo museo si è meritato l’ultimo posto. Eppure avevo grandi aspettative! Si tratta di un museo del design principalmente di interni anche se tutta una sala è dedicata alla moda.

Allora, il museo è fornitissimo, per carità! Una volta dentro si ha l’impressione di vivere “in una galassia lontana lontana…”. Alcuni oggetti sembrano il risultato di un colpo di genio…altri di droghe pesanti. Ma il grande problema è che tantissimi oggetti super interessanti sono tutti ammassati in teche poco illuminate. Di spazio ce n’è, ma per qualche strana ragione gli oggetti vengono stipati al centro delle sale. Peccato anche per l’illuminazione…che è quasi inesistente. Decidete: volete essere ecologici o mostrarci oggetti di design?

In compenso il piano dedicato ai vestiti è molto carino.

4-Varldskulturmuseet

Si tratta di un museo delle varie culture nel mondo. Non credo ci sia una mostra permanente ma piuttosto esposizioni temporanee quindi non posso criticare in modo troppo aspro. Io ci sono andata in occasione di una serata universitaria dove offrivano cena vegana gratis e dove c’erano tutte le associazioni studentesche con il loro stand, le loro penne e le loro caramelle :-). Poi si, c’era la mostra. Non l’ho capita molto bene. Era una stanza in cui dovevi entrare scalzo perché camminavi su materiali diversi. All’entrata c’erano tantissime scarpe tipiche delle popolazioni di tutto il mondo. Poi man mano che esploravi potevi provarti dei cappelli diversi, suonare degli strumenti, arrampicarti etc. Insomma, gli argomenti di cui trattava la mostra non mi sono tuttora chiari ma vi posso assicurare che non c’è niente di meglio di vedere una quantità indefinita di studenti universitari tornare alla più tenera infanzia giocando scalzi.

3-Maritimanimg_0464Il Maritiman è il museo della marina, o per meglio dire, si tratta di barche di tutti i tipi e di sottomarini da visitare. Ovviamente sono barche galleggianti sul fiume che taglia la città (se qualcuno avesse un dubbio…). È molto interessante visitare barche di cui non conoscevi nemmeno l’esistenza, tipo la nave specializzata nel spegnere incendi. Solo che ci sono due scomodi inconvenienti: a) le navi puzzano di vernice, di chiuso, di pesce e di altre sostanze indefinite. E ovviamente si ondeggia. Puzza + dondolo = mal di mare. Si, anche senza prendere il largo avrete la possibilità di vivere la tipica sensazione di un marinaio alle prime armi. b) vi avverto che avrete paura. In pratica, per far vedere com’era la vita a bordo, sono state aggiunte delle statue di cera. Il problema è che non sono in tutte le stanze e ovviamente non puoi prevedere quando, nella tua esplorazione, ti ritroverai faccia a faccia con una di loro. Vi ho avvertito.

Ah e poi sconsigliati i tacchi. Impossibile passare in passaggi e scalinate stretti senza cadere.

In compenso il sottomarino è impressionante. Per chi è claustrofobico o sospetta di esserlo…meglio evitarlo.

2-Konstmuseet

Il museo d’arte di Göteborg è imponente e estremamente fornito. Ad una prima occhiata sembra un tipico palazzone inquietante che risale al periodo sovietico (che la Svezia ha vissuto solo attraverso la sua architettura). Ma non fatevi impressionare e entrate a dare un’occhiata (gratuito per gli studenti). Ovviamente i pittori messi in risalto sono quelli scandinavi quindi aspettatevi a paesaggi rudi e innevati. C’è un minuscolo schizzo di Munch (vi sfido a trovarlo) e qualche Picasso e Monet. È l’occasione per scoprire quelle opere meno conosciute e per farsi prendere dalla pittura scandinava. Poi c’è il primo piano dedicato all’arte contemporanea. Lì sicuramente rimarrete stupiti dall’enorme statua di una pole dancer e da un tavolo da ping pong. Si, avete tutti i diritti di giocare a ping pong! Ci sono anche le mostre temporanee…in questo non posso essere d’aiuto.

1-UniverseumIMG_0489.JPGIl più bello per la fine. Cominciamo dalle brutte notizie: i prezzi sono elevati. Ma vi assicuro che è un ottimo investimento! Si sale con un ascensore di vetro fino all’ultimo piano e lì…vedrete gli squali svedesi e i serpenti più pericolosi del mondo (poco spaventosi perché mezzi addormentati, vi rassicuro…a vostra disposizione per una colta conversazione in serpentese). Poi c’è il piano esterno dove ci sono dei robot-mammut. Ecco se vi manca il tempo saltate questa parte, non ne vale la pena. Anche se avete tempo saltatela. Per favore.

E poi ci si inoltra nella giungla equatoriale. Ci si trova in una mega serra insieme ad iguane, scimmie, e uccelli…molto bello. L’umidità è quasi quella emiliana. L’esperienza è ancora più unica se, dalle vetrate della serra, potete vedere che fuori nevica. Gli altri piani sono dedicati ad alimentazione e sport. Poi c’è un bar con free wifi e torta alle carote da evitare.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s